CECENIA: I RUSSI CONQUISTANO SAMASHKI, 100 MORTI
CECENIA: I RUSSI CONQUISTANO SAMASHKI, 100 MORTI

Mosca/Vienna, 27 mar. (Adnkronos/Dpa) - Samashki torna nelle mani dei russi. Dopo giorni di aspri combattimenti, costati la vita ad oltre cento guerriglieri, le truppe federali hanno conquistato oggi la citta' della Cecenia occidentale, gia' teatro lo scorso anno di un feroce massacro di civili. Ne ha dato notizia l'agenzia di stampa Itar-Tass, citando il comandante in capo delle truppe russe nella repubblica caucasica, Viatcheslav Tijomirov. La stessa fonte ha reso noto che i soldati russi hanno ripreso questa mattina a Grozny i controlli ''porta a porta'' alla caccia dei miliziani fedeli al presidente secessionista Giokhar Dudayev.

Intanto, da Vienna, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) ha accusato l'esercito russo di combattere una ''guerra sistematica'' contro i civili ceceni. In un comunicato rilasciato oggi, l'Osce denuncia la totale mancanza di disciplina e gli atti criminali -furti, estorsioni, attacchi incendiari- commessi dalle truppe federali. Alcuni villaggi dove si sospetta siano nascosti i guerriglieri -si legge nel comunicato- sono sottoposti ad ''intensi ed indiscriminati'' attacchi da parte dell'artiglieria e dell'Aeronautica russa. Secondo l'Osce, tra l'altro, i soldati russi avrebbero chiesto denaro agli abitanti dei villaggi ceceni per essere risparmiati dagli attacchi.

(Nap/Gs/Adnkronos)