IRA: MAI PIU' BOMBE A BELFAST, LA GUERRA SI CONCENTRA A LONDRA
IRA: MAI PIU' BOMBE A BELFAST, LA GUERRA SI CONCENTRA A LONDRA

Roma, 27 mar. (Adnkronos) - L'''Esercito repubblicano irlandese'' (Ira) non insanguinera' piu' Belfast con i suoi attentati, ma concentrera' la guerra a Londra. Questo il messaggio lanciato da un membro della nuova direzione politico-militare dell'Ira in un'intervista rilasciata in esclusiva al settimanale milanese ''Tempi'', e che sara' pubblicata nel numero in edicola giovedi' 28 marzo. Nell'intervista -informa un comunicato stampa diffuso dalla redazione di ''Tempi''- il dirigente dell'Ira ha fatto un ritratto della nuova generazione di irredentisti irlandesi, spiegando le ragioni che hanno portato l'Ira, dopo 20 mesi di tregua, ad interrompere bruscamente il cessate il fuoco scatenando nuovi attentati a Londra. Il terrorista ha definito le trattative con Major negli ultimi mesi ''una perdita di tempo'', ed ha denunciato che il Sinn Fein ormai ''non spingeva piu' per l'unificazione dell'Irlanda''. ''I vecchi capi dell'Alto Comando dell'Ira si erano trasformati in taglieggiatori, si erano imborghesiti'', ha dichiarato poi nell'intervista l'irredentista irlandese, spiegando i motivi della frattura con i vecchi dirigenti politici e militari dell'Ira.

L'Irlanda -ha rimarcato il terrorista- deve tornare ad essere una nazione unita, gaelica e libera, e la lotta per raggiungere questi obiettivi passa anche attraverso le difesa dei dei diritti delle centinaia di migliaia di disoccupati cattolici che vivono nei ghetti poveri di Belfast. ''Niente piu' bombe a Belfast -ha concluso il dirigente dell'Ira- niente piu' attacchi a poliziotti protestanti, mai piu' uccisioni di civili protestanti....Non ce l'abbiamo con i protestanti nordirlandesi. Ora le guerra la portiamo la', in Inghilterra, contro coloro che occupano la nostra terra''.

(Ses/Gs/Adnkronos)