MANI PULITE: IL PUNTO DELLE INDAGINI
MANI PULITE: IL PUNTO DELLE INDAGINI

Milano, 5 apr. (Adnkronos) - Corridoi deserti e uffici vuoti. Anche al tribunale milanese il clima festivo si fa sentire e la squadra di tangentopoli si concede una tregua. Tacciono, quindi, le indagini sul caso Squillante mentre ancora si attende di sapere se il giudice per le indagini preliminari Alessandro Rossato concedera' all'avv. Attilio Pacifico gli arresti domiciliari. La procura, in proposito, aveva espresso nei giorni scorsi parere contrario.

A salire gli scalini del palazzaccio milanese e' in mattinata Hethler Parisi. Giubbotto di pelle, guardia del corpo al fianco, la show girl resta a lungo a colloquio con il sostituto procuratore Nunzia Gatto che il 26 marzo scorso le ha arrestato il marito, Giorgio Manenti, coinvolto con Fausto Rapisarda ed altre 8 persone nel crack della Emmeci. Subito dopo la Parisi si e' recata nel carcere di San Vittore per incontrare il marito che non vedeva dal giorno dell'arresto. Momenti di clamore nella saletta visite del penitenziario hanno accompagnato l'incontro dei due coniugi evidentemente provati ed emozionati. Al fianco della signora c'era l'avv. Vanni che in seguito ha annunciato l'intenzione di ricorrere al tribunale del riesame per la remissione in liberta' del Manenti.

Sviluppi anche sul caso Gemina-Rcs. I sostituti procuratori Francesco Greco e Carlo Nocerino hanno chiesto ed ottenuto dal gip Aurelio Barazzetta una proroga per le indagini. Nei giorni scorsi i due pm avevano ricevuto la prima relazione redatta dalla Guardia di Finanza sugli accertamenti svolti in questi mesi. Un resoconto ancora provvisorio nel quale, pero', gli investigatori delle Fiamme Gialle alle prime ipotesi di indagine (operazione Fabbri, Fochi, Crediti rateali...) indicano altri due canali investigativi: il settore estero e i rapporti in Italia.

(Cri/Pe/Adnkronos)