DINI: ORA TOCCA A PRODI, FARE IL PREMIER E' FATICOSO
DINI: ORA TOCCA A PRODI, FARE IL PREMIER E' FATICOSO
UN FUTURO RUOLO IN PARLAMENTO? SONO SOLO IPOTESI

Roma, 5 apr. (Adnkronos)- ''Fare il presidente del Consiglio e' molto faticoso. Quindi e' bene che ci sia un'alternanza''. All'ennesima domanda sulla concorrenza per palazzo Chigi tra lui e Romano Prodi, Lamberto Dini replica spianando la strada al leader della coalizione dell'Ulivo. Per il presidente del Consiglio uscente (che oggi e' intervenuto al 'Maurizio Costanzo Show'), si aprono, qualora fosse eletto, altre prospettive e nuove aspirazioni.

Magari quella di dirigere un'istituzione prestiziosa come la Camera dei deputati? Dini si schermisce e allontana da se ogni mira con un ''sono tutte ipotesi''. A destare la curiosita' dei cronisti che lo avevano seguito alla registrazione della trasmissione, e' stata una risposta fornita dal presidente del Consiglio ad una domanda rivoltagli da Maurizio Costanzo sul 'dualismo' con Prodi.

E' proprio certo che sara' il professore a guidare il prossimo governo qualora l'Ulivo vincesse le elezioni? ''Certo -ha replicato sicuro Dini- Prodi e' stato designato quale leader della coalizione e io rispetto quella scelta. Personalmente non so se andro' a fare il ministro. Per governare c'e' bisogno del contributo di tutti, non siamo in una dittatura, percio' ognuno potra' svolgere la sua parte. Poi saranno i risultati elettorali a deeterminare il tipo di governo che potra' essere fatto. Se saro' eletto, come spero, credo che potro' svolgere un ruolo importante in Parlamento. Il resto sono tutte ipotese. Essere eletti e diventare parlamentari e' un privilegio e un onore che intendo rispettare''. (segue)

(Ruf/Gs/Adnkronos)