GIUSTIZIA: CAIANIELLO PRECISA SU ISPEZIONI A NAPOLI
GIUSTIZIA: CAIANIELLO PRECISA SU ISPEZIONI A NAPOLI
''SOLO UN'ISPEZIONE 'MIRATA' IL 3 APRILE''

Roma, 5 apr. (Adnkronos)- Nessuna inchiesta degli ispettori ministeriali a Napoli sui fatti che negli ultimi anni hanno causato incomprensioni tra magistrati e avvocati. Lo precisa il ministro della Giustizia, Vincenzo Caianiello, che smentisce cosi' le notizie diffuse a proposito di un'indagine sul comportamento della magistratura napoletana o di alcuni singoli magistrati. ''Il 3 aprile -sottolinea l'ufficio stampa di via Arenula- e' stata invece disposta un'ispezione 'mirata' per verificare alcuni dei fatti segnalati dall'Unione delle Camere Penali in documenti trasmessi al ministro: in particolare, riguardo alle modalita' di distribuzione dei processi tra i Gip. Tali accertamenti potevano essere condotti solo mediante un accesso negli uffici, non essendo sufficiente l'esame delle carte''.

Quanto alle critiche al ministro che, secondo alcuni magistrati, in occasione dell'incontro di ieri con i rappresentanti del foro partenopeo, avrebbe evitato di stigmatizzare le astensioni dal lavoro degli avvocati, dal ministero sottolineano che ''il guardasigilli aveva gia' espresso il suo punto di vista in proposito nell'incontro informale del 29 marzo con magistrati e avvocati nella biblioteca di Castelcapuano, proponendo il ritorno a un clima di serenita' per consentire l'apertura di un tavolo di confronto presieduto dai due sottosegretari. D'altra parte, come dovrebbe essere noto a chi ha formulato le critiche, il ministro di Grazia e Giustizia non ha alcun potere conferitogli dalla legge di intervenire sulle astensioni dal lavoro degli avvocati''.

(Mac/Pe/Adnkronos)