MANCUSO SU MINACCE: 'PROVOCAZIONI RACCOLTE DA ESALTATI'
MANCUSO SU MINACCE: 'PROVOCAZIONI RACCOLTE DA ESALTATI'

Milano, 5 apr. -(Adnkronos)- Il contenuto delle minacce ricevute in questi giorni da Filippo Mancuso e le ipotesi sulle responsabilita' indirette per le quali l'ex Guardasigilli aveva chiamato in causa alcune cariche istitizionali e alcuni giornalisti, sono al centro di un'intervista raccolta oggi da Popolare Network.

''E' la cosa piu' ignobile che abbia ricevuto'', spiega Mancuso riferendosi all'ultima minaccia, ricevuta con la posta normale. ''Una busta -precisa- contenente una lettera anonima, un batuffolo di cotone intriso di sangue ed una siringa''. Questo il testo: ''Mafioso. Mascalzone. Cura la tua pazzia con una siringata di sangue all'Aids''. ''In casa mia c'e' un bambino -osserva l'ex Ministro- la busta poteva essere aperta anche da lui''.

Alla domanda: ''E' sicuro che si tratti di sangue?'', Mancuso risponde di non aver fatto fare l'esame chimico, ma giudica ''assolutamente brutale la faccenda anche se semplicemente simbolica''. Soprattutto insiste sul riferimento alla pazzia e alla mafia, ricorrente nelle accuse rivoltegli. ''C'e' sempre il demente, il violento e l'irresponsabile che esprime terminalmente certi concetti, ma questi concetti -afferma Mancuso- originano talvolta da uffici statali e da grandi responsabilita' giornalistiche' e personali''. (segue)

(Mil/Adnkronos)