MUSICA: TOZZI, 'IL GRIDO', VOCE DI CHI NON PUO' FARSI SENTIRE
MUSICA: TOZZI, 'IL GRIDO', VOCE DI CHI NON PUO' FARSI SENTIRE

Roma, 5 apr. -(Adnkronos)- ''Sul contrasto tra la politica, lo Stato e le attese della gente, e sulle promesse non mantenute. 'Il grido' da' voce a tutti quelli che non possono farsi sentire''. Umberto Tozzi racconta delle sua insoddisfazione per la realta' italiana, e lo fa attraverso le note del suo ultimo disco (in uscita il prossimo 11 aprile) con cui l'autore 'festeggia' il traguardo di venti anni di carriera e 26milioni di dischi venduti.

''Non e' cambiato proprio nulla in questi ultimi anni -spiega Tozzi- ci sono sempre i personaggi di potere che ci illudono, e' tutto come una kermesse televisiva. Ma la mia -specifica- non e' una protesta fine a se stessa, nelle parole della canzone c'e' molta speranza''. Anticipato dall'omonimo singolo, 'Il grido' contiene 11 nuovi brani che Tozzi ha registrato tra Roma e Los Angeles con la collaborazione di Greg Mathieson. ''Sento molto di me stesso in questo disco -ammette Tozzi- non ho mai composto facendo calcoli, e ne 'Il grido' ci sono alcune canzoni che rientrano nella mia tradizione e altre in cui ho fatto, musicalmente, scelte molto coraggiose''. Il tutto, comunque, in nome della melodia: ''Come dico in 'Monotonia rap', la melodia fa parte della nostra tradizione, io ci sono nato in mezzo e non posso farne a meno'', ammette il musicista, che non risparmia, nei testi del disco, riferimenti all'attualita'. (segue)

(Gmg/Pn/Adnkronos)