PRODI: L'ALBERO MAGICO DEL FRATELLO GIOVANNI (2)
PRODI: L'ALBERO MAGICO DEL FRATELLO GIOVANNI (2)

(Adnkronos) - Giovanni Prodi definisce poi ''un'idea vincente'' quella di Romano di spostarsi con il pulman e incontrare la gente. ''Il contatto diretto e' stato premiato''. ''Romano non ha un'oratoria politica, -prosegue- lui e' piu' adatto per lavorare e progettare. Essendo una persona onesta, non ha mai cercato lo slogan, la frase ad effetto, ma con grande correttezza ha affrontato il contenuto dei problemi''. L'ultima volta che si sono visti, Giovanni e Romano, e' stato giovedi' della scorsa settimana, al comizio in Piazza del Popolo a Roma. ''Ci siamo salutati. Dal momento della vittoria, dallo spoglio delle schede non ci siamo piu' sentiti''.

Giovanni Prodi posa ancora una volta lo sguardo sull'ulivo nel giardino di casa. ''Per noi nati oltre l'Appennino, -afferma- l'ulivo rappresenta una pianta magica. Da noi, per condizioni climatiche particolari non cresce. E' un albero che, oltre a rappresentare la pace, rapprsenta anche un sogno. E quel sogno, Romano, e' riuscito a realizzarlo''.

(Afi/Zn/Adnkronos)