CAMERE DI COMMERCIO: SI CAMBIA (2)
CAMERE DI COMMERCIO: SI CAMBIA (2)
RINNOVO DELLA CLASSE DIRIGENTE

(Adnkronos) - Intanto, 17 Camere di Commercio i cui organi, Giunta e Presidente, sono scaduti, hanno avviato le procedure per la designazione dei primi Consigli previsti dalla legge di riforma. Entro un triennio, il rinnovamento sara' totale. E nasceranno, cosi', -osserva Mastrobuono- ''Consigli formati sulla base delle realta' economiche delle Provincie e rappresentativi di tutte le categorie produttive, dei lavoratori e dei consumatori''.

Il secondo cambiamento e' di tipo istituzionale. ''E' la prima riforma istituzionale compiuta, che -dice il Segretario Generale di Unioncamere- configura le Camere di Commercio come luogo istituzionale delle imprese, inserito a pieno titolo nella famiglia degli enti locali, anche se non territoriali''. Nel ricordare come la legge collegata alla Finanziaria '96 abbia previsto che, in materia di impresa, le Regioni possano, a loro volta, delegare funzioni alle Camere di Commercio, Mastrobuono rileva come si tratti di una posizione importante sotto due profili: per la prima volta, il legislatore ha individuato, in quello delle imprese, ''un sistema meritevole di tutela da parte dell'ordinamento giuridico. Al contempo, ha confermato alle Camere di Commercio il ruolo e la funzione vocazionale di pubblica amministrazione delle imprese stesse''.

CAMERE SUPPORTO DELLE REGIONI

Secondo Mastrobuono, in questo quadro le Camere di Commercio potranno essere enti di supporto delle Regioni per le attivita' di programmazione degli interventi comunitari a favore delle imprese, mentre le stesse Regioni, avvalendosi del ''Registro delle Imprese'' di recente istituzione, potranno sviluppare osservatori sulle dinamiche economico-produttive, e dei prezzi, a livello locale, nel quadro della programmazione regionale. (segue)

(Ctz/Gs/Adnkronos)