SANITA': GLI ASSESSORI LANCIANO L'ALLARME TARIFFE
SANITA': GLI ASSESSORI LANCIANO L'ALLARME TARIFFE

Padova, 4 mag. (Adnkronos)- Preoccupanti notizie per le tariffe sanitarie. Il nuovo nomenclatore tariffario nazionale e' ancora in fase di predisposizione, dovra' entrare in vigore obbligatoriamente, secondo la legge vigente, entro il 1 luglio prossimo, e si teme che l'adeguamento delle tariffe nazionali al costo reale delle prestazioni possa avere una ricaduta molto pesante sulla spesa sanitaria totale con un condizionamento pesante dei bilanci e delle risorse delle aziende sanitarie.

Lo ha anticipato il Direttore Generale del Ministero della Sanita' agli assessori regionali alla sanita', riuniti a Napoli dal loro coordinatore nazionale Iles Braghetto, per un faccia a faccia con il ministro della sanita' Elio Guzzanti.

L'assessore Braghetto ricorda al proposito che il 30 aprile scorso doveva essere il termine entro il quale il Ministero per la Sanita' doveva trasmettere alle Regioni il nuovo nomenclatore tariffario sostitutivo di quello in vigore dal 1989. Il primo luglio '96 obbligatoriamente le nuove tariffe devono entrare in vigore su tutto il territorio nazionale con la facolta' delle Regioni di abbattimento del 20 pc delle tariffe indicate. le Regioni che, a questa data, hanno gia' adottato un proprio autonomo tariffario non sono tenute ad adeguarsi.

L'assessore ha annunciato che martedi' prossimo 7 maggio la delegazione delle Regioni avra' un incontro al Ministero della sanita' per una valutazione comune tra Regioni e Ministero della situazione e perche' questa valutazione comune sia la base della proposta da avanzare poi in sede di Conferenza Stato-Regioni entro maggio.

(Red/Lr-Gs/Adnkronos)