ALBANIA: OPPOSIZIONE IN PIAZZA, DECINE DI FERITI (AGGIORNATO)
ALBANIA: OPPOSIZIONE IN PIAZZA, DECINE DI FERITI (AGGIORNATO)

Tirana, 28 mag. -(Adnkronos/Dpa)- Tensione postelettorale in Albania: i socialisti hanno deciso di boicottare il prossimo turno elettorale a seguito degli scontri scoppiati oggi con la polizia -nei quali decine di persone sono rimaste ferite- durante la manifestazione in Piazza Scanderbeg, a Tirana, organizzata dall'opposizione per contestare i risultati elettorali e denunciare i brogli commessi nelle consultazioni di domenica.

Secondo quanto riferito dalla radio albanese, le centinaia di poliziotti in assetto da antisommossa mobilitati per la manifestazione hanno impedito ai dimostranti di radunarsi nella piazza, assalendoli con i manganelli. Tra i feriti ci sono anche il leader di Alleanza socialdemocratica e tre dirigenti di Alleanza democratica, le due formazioni coalizzate con il Partito socialista (Ps, ex comunisti): si tratta rispettivamente di Skender Gjinushi, e poi di Gramoz Pashko, Arben Imami e Ridvan Peshkepia.

Le forze dell'ordine -che hanno compiuto decine di arresti- hanno impedito anche ai numerosi giornalisti stranieri giunti a Tirana per seguire le elezioni di recarsi alla manifestazione, scandita dagli slogan ''Abbasso la nuova dittatura'', ''Abbasso Beirsha''. ''Questa e' la vera faccia della democrazia in Albania -ha denunciato Gjinushi, il leader socialdemocratico- la polizia di Stato di Berisha non permette neppure una dimostrazione pacifica da parte dell'opposizione''. (segue)

(Nap/Pn/Adnkronos)