MUCCA PAZZA: LA GB CONTA SULL'ITALIA (2)
MUCCA PAZZA: LA GB CONTA SULL'ITALIA (2)

(Adnkronos) - Londra chiede il sollevamento parziale del bando imposto lo scorso 27 marzo, con lo sblocco alle esportazioni di gelatine, sego e sperma bovino che sara' messo al voto durante il Consiglio dei ministri dell'Agricoltura del tre e del quattro giugno a Lussemburgo. Sara' sufficiente la maggioranza qualificata per approvare la proposta formulata dalla Commissione per l'ammorbidimento del divieto, un problema che il diplomatico giudica ''di importanza tutt'altro che simbolica'' dato che tocca direttamente gli ''interessi e i posti di lavoro di tutto il settore coinvolto nella lavorazione di questi prodotti o di quelli che li usano come ingredienti''. Ma soprattutto perche' la richiesta e' appoggiata dal parere della comunita' scientifica secondo cui le misure di precauzione adottate nella lavorazione di gelatine e sego sono sufficienti per escludere la trasmissione del morbo.

Il secondo nodo da sciogliere entro Firenze e' la presentazione di un programma quadro per il sollevamento globale del bando che verra' discusso il prossimo cinque giugno a Roma - anche se la data potra' cambiare - dal ministro degli Esteri inglese, Malcom Rifkind e dal ministro dell'Agricoltura, Douglass Hogg. Sara poi la commissione a dover sottoporre alla Gran Bretagna una proposta che Londra chiede ''chiara e risolutiva in tempi brevi''. Oltre all'esclusione dalla catena alimentare di tutti i bovini che hanno superato i trenta mesi di eta', la Gran bretagna ha promesso l'abbattimento ''mirato'' di 80mila capi maggiormente a rischio di contrarre l'encefalopatia spongiforme bovina.

(Sip/Pn/Adnkronos)