FEDERALISMO: NAPOLITANO, SI' ALLA CONFERENZA STATO-CITTA' (2)
FEDERALISMO: NAPOLITANO, SI' ALLA CONFERENZA STATO-CITTA' (2)
BIANCO, REGIONI E MUNICIPI LE DUE GAMBE DEL FEDERALISMO

(Adnkronos) - Come dividere le responsabilita' locali? ''Semplice: la funzione legislativa e di pianificazione va riservata alle Regioni, quella amministrativa ai Comuni. E piu' in generale -risponde Bianco- vale il principio della sussidiarieta': quello che non possono fare gli enti locali lo facciano le regioni e tutto cio' che le Regioni non possono fare lo faccia lo Stato. Le conflittualita' fra i comuni e le regioni ci sono solo se qualcuno vuole inventarle''.

Tre le questioni poste sul tappeto dall'Anci: l'autonomia impositiva e organizzativa dei Comuni (''Un esempio per tutti: posto il giusto problema della parita' di bilancio, lo Stato non si sogni si imporre ai Comuni il blocco delle assunzioni. Saranno i municipi a valutare l'incidenza, l'importanza e il ricorso a un provvedimento del genere''), la drastica riduzione degli atti del Coreco (il comitato regionale di controllo) che dovra' occuparsi solo dei bilanci, la trasformazione del ruolo dei segretari comunali per evitare conflittualita' 'improprie' con i sindaci''.

Sulle risorse, anche Napolitano ha ribadito che ''occorre prevedere, gia' in sede di Finanziaria '97, le risorse indispensabili per far vivere e crescere gli enti locali''. E Bianco ha voluto assicurare che ''la richiesta dei Comuni di avere una legge-delega per ridefinire l'assetto della finanza locale va nella direzione di una forte semplificazione del sistema e non in quella dell'introduzione di nuove tasse, questa volta municipali''.

(Bon/Gs/Adnkronos)