GIUBILEO: DI PIETRO, CARABINIERI NE GARANTIRANNO TRASPARENZA
GIUBILEO: DI PIETRO, CARABINIERI NE GARANTIRANNO TRASPARENZA

Milano, 28 mag. -(Adnkronos)- ''Sto riorganizzando la presenza di un nucleo di Carabinieri, formalmente in pianta organica da tempo, ma sostanzialmente in disuso. Ad essi e agli altri organi di Polizia potranno rivolgersi tutti coloro che sentono il dovere civico di darci una mano per allontanare gli imbroglioni dal Giubileo e, piu' in generale, da tutto il settore delle opere pubbliche''. Ad annunciarlo e' il Ministro dei Lavori Pubblici, Antonio Di Pietro, dalle colonne del settimanale 'Oggi', rispondendo, come di consueto, alle lettere dei lettori.

''Mancano poco piu' di tre anni al 2000 -scrive Di Pietro- e le opere programmatiche sono imponenti. E' necessario un controllo costante delle procedure e dei lavori in corso d'opera, onde non correre il rischio di arrivare fuori tempo massimo. Su tale questione -prosegue l'ex Pm- deve valere una considerazione di metodo: vanno aperti solo i cantieri che diano assicurazione di poter ultimare i lavori in tempo, ovvero che non interferiscano con la manifestazione del Giubileo''.

Con cio', Di Pietro non intende 'tirare il freno' agli interventi programmati ma, sottolinea: ''Solo riaffermare la necessita' di una precisa programmazione dei tempi e degli obiettivi oltreche' dei costi e delle procedure''. A questo, si aggiunga poi il problema, secondo il neoministro dei Lavori Pubblici: ''Di tenere alla larga speculatori e affaristi, al contrario di quanto e' accaduto in occasione di altri eventi simili: per esempio, per i lavori dei Mondiali '90 o per le Colombiadi. E' vero -conclude Di Pietro- anche questa volta dobbiamo fare in fretta ma, nel contempo, non dobbiamo permettere che il mercato delle commesse venga acquistato a suon di bustarelle''.

(Mil/Pn/Adnkronos)