SAVONAROLA: ''APOCRIFE LE LETTERE CON ACCUSE A PAPA BORGIA'' (2)
SAVONAROLA: ''APOCRIFE LE LETTERE CON ACCUSE A PAPA BORGIA'' (2)

(Adnkronos) - Le tre ''Lettere ai Principi'' sono indirizzate al re di Francia, all'imperatore di Germania e ai reali di Spagna: in esse il domenicano chiedeva la convocazione di un concilio straordinario per far cessare gli scandali di papa Alessandro VI Borgia. Padre Centi rileva come i testi siano stati scritti in realta' attorno al 1508-10 da un anonimo compilatore, basandosi sugli atti del processo per eresia, ma rafforzandone le accuse rivolte al pontefice.

Lo storico dell'Ordine dei Domenicani rivela che Savonarola aveva ammesso durante il processo di aver scritto ''un brogliaccio'' che doveva servire per eventuali lettere ai cinque regnanti piu' prestigiosi della cristianita', ma non la bozza delle singole missive. All'ultimo momento pero' fra' Girolamo decise di bruciare il suo documento autografo. ''Le lettere che sono oggi in nostro possesso -ha spiegato padre Centi- sono da ritenersi percio' inventate da autori benevoli verso la causa savonaroliana. Un'attenta analisi del tono e dello stile letterario svela pero' che poco hanno a che fare con i contenuti originali della predicazione di Savonarola, che pure non lesino' accuse di indegnita' a Alessandro VI''.

(Pam/As/Adnkronos)