MOSTRE: LA SCIENZA DI LEOPARDI A RECANATI
MOSTRE: LA SCIENZA DI LEOPARDI A RECANATI

Milano, 16 lug. (Adnkronos) - Per poco meno di meta' della sua breve vita (1798-1837), la grande passione di Giacomo Leopardi e' stata la scienza; una passione coltivata e riconosciuta pubblicamente, tanto da portarlo a vedersi offrire, rifiutandola, una cattedra di zoologia e mineralogia all'Universita' di Parma, una passione comunque mai rinnegata.

E' da questo dato di fatto, ben documentato dalla vita e dalle opere di Leopardi ma di solito sminuito nelle sue biografie scolastiche, che prende spunto la mostra ''Giacomo e La Scienza'' che sara' ospitata dal 20 luglio al 30 ottobre nel Palazzo Leopardi di Recanati.

Un percorso, quello della mostra che fonde l'omaggio alla passione del poeta con quella alla previdenza di suo padre, il conte Monaldo, in quanto creatore della grande biblioteca di palazzo Leopardi che con testi e macchine scientifiche condusse l'adolescente Giacomo a maturare nella curiosita' scientifica per poi travalicarla nella composizione poetica, giungedo pero' ai versi proprio grazie alla scienza.

Un percorso, quello Leopardiano, non eccezionale per l'epoca, anzi nell'alveo di una tradizione consolidata e nota al giovane Giacomo: nel XVIIesimo e XIXesimo secolo, infatti, buona parte dei versi che si scrivevano erano al servizio della scienza piu' che dei sentimenti, con testi in latino o in italiano opera di scienziati-letterati; basti pensare a Erasmo Darwin, nonno di Charles Darwin, medico, scienziato e poeta.(segue)

(Car/As/Adnkronos)