POESIA: 'GUERRA' TRA MONDADORI E NEWTON PER I SUPERECONOMICI
POESIA: 'GUERRA' TRA MONDADORI E NEWTON PER I SUPERECONOMICI

Roma, 16 lug. - (Adnkronos) - Il recente boom della poesia sta scatenando gli appetiti degli editori. E per la prima volta in Italia la stagione estiva vede lo scoppio di una ''guerra'' a colpi di libri in versi con tirature da record e a prezzi stracciati tra la Mondadori e la Newton Compton. Dopo aver inaugurato agli inizi degli anni Novanta il filone dei volumi supereconomici di narrativa (dalle mille alle cinquemila lire), allargando considerevolmente il mercato dei lettori, specie tra i giovani, la casa editrice romana di Vittorio Avanzini e' corsa ai ripari dopo l'ingresso della Mondadori nello stesso segmento di mercato.

Sull'onda del successo che va avanti da un anno (con la collana ''I Miti'', ognuno dei testi e' venduto a 5.900 lire), il colosso di Segrate ha sfornato tra febbraio e giugno anche la nuova collana ''I Miti Poesia'': 14 titoli a 3.900 lire l'uno (da Saffo ad Eugenio Montale, da Giuseppe Ungaretti a Salvatore Quasimodo), vendendo complessivamente un milione e centomila copie. All'iniziativa della Mondadori, Avanzini replica ora con una nuova mossa, per cercare di riconquistare il terreno perduto a vantaggio della concorrenza. A giorni mandera' infatti in libreria e in edicola venti libri di poesia a 3.900 lire, con una tiratura iniziale di circa un milione di copie. Se il prezzo e' lo stesso dei ''Miti Poesia'', i ''Newton Poesia'' si presentano con un numero di pagine piu' consistente (tra le 120 e le 180), in genere il triplo dei volumetti mondadoriani, e arricchiti da studi critici, biografie e bibliografie. Gli autori sceti per la battaglia editoriale a distanza sono piu' o meno gli stessi: ad esempio Emily Dickinson, Pablo Neruda, Charles Baudelaire, Giacomo Leopardi, Nazim Hikmet.

(Pam/Zn/Adnkronos)