BOSNIA: HOLBROOKE TORNA A BELGRADO
BOSNIA: HOLBROOKE TORNA A BELGRADO

Washington, 16 lug. -(Adnkronos/Dpa)- Su richiesta del segretario di Stato americano Warren Christopher, per qualche giorno Richard Holbrooke lascia Wall Street e torna nella ex Jugoslavia, nel tentativo di isolare il leader serbo bosniaco Radovan Karadzic ed il generale Ratko Mladic, raggiunti la settimana scorsa da un mandato di cattura internazionale del tribunale per i crimini di guerra dell'Aja. Secondo l'architetto degli accordi di Dayton del novembre scorso per la Bosnia Erzegovina, il processo di pace nella regione e' ''ad un punto critico''. L'ex inviato americano nei Balcani riprendera' la sua missione da Belgrado, dove incontrera' il presidente della Federazione jugoslava serbo montenegrina Slobodan Milosevic, al quale chiedera' di usare la sua influenza sui serbo bosniaci perche' consegnino i due criminali di guerra.

Secondo il portavoce del dipartimento di Stato americano Nicholas Burns, nella sua missione nella ex Jugoslavia -che lo portera' anche a Sarajevo e Zagabria prima di tornare a Washington venerdi' prossimo- Holbrooke portera' con se' un messaggio: ''Se non verranno rispettati gli impegni degli accordi di Dayton, la comunita' internazionale reintrodurra' le sanzioni economiche contro la Serbia''. Holbrooke aveva lasciato il suo posto di assistente del segretario di Stato nel febbraio scorso per andare a lavorare a Wall Street, in una grossa banca di investimenti.

(Nap/Pn/Adnkronos)