RUSSIA: SENTENZA-SHOCK CONTRO ASSASSINO GIORNALISTA
RUSSIA: SENTENZA-SHOCK CONTRO ASSASSINO GIORNALISTA

Mosca, 16 lug. (Adnkronos/Dpa) - Colpevole dell'omicidio di una giornalista impegnata in un reportage sulla crisi degli ostaggi di Budionnovsk, un soldato di leva dell'esercito russo e' stato solo sospeso dal servizio per due anni e subito scarcerato. Questa e' la sentenza-shock con cui si e' concluso dopo due mesi il processo avviato dal tribunale della citta' meridionale di Lermontov, nei confronti della recluta, un giovane di 20 anni di cui non e' stato reso noto il nome, giudicato colpevole di omicidio preterintenzionale.

Il marito della vittima, la collaboratrice del settimanale tedesco Focus e dell'emittente radiofonica Rufa Natalya Alyakina Mozrek, ha subito preannunciato la sua intenzione di presentare ricorso contro la sentenza.

La difesa ha sostenuto che la donna, che si stava recando a Budionnovsk a bordo di un'autombobile, non si era fermata al posto di blocco presidiato dal carro armato della recluta che avrebbe poi azionato per sbaglio la mitragliatrice con un piede, rientrando nell'abitacolo del mezzo corazzato.

(Ses/As/Adnkronos)