CECENIA: LE DATE DEL CONFLITTO
CECENIA: LE DATE DEL CONFLITTO

Roma, 9 ago. -(Adnkronos)- Nel giorno dell'insediamento di Boris Eltsin al Cremlino per il secondo mandato i guerriglieri ceceni riprendono Grozny, la capitale della repubblica caucasica conquistata dai russi il 19 gennaio del 1995, dopo venti giorni di assedio e a poco piu' di un mese dall'invasione russa della Cecenia. Diamo di seguito la cronologia del conflitto nella repubblica caucasica:

- 11 dicembre 1994: oltre 20mila soldati russi vengono inviati in Cecenia, autorizzati da un decreto firmato da Boris Eltsin, poche ore prima di farsi ricoverare in ospedale, per un intervento al setto nasale ''di routine''.

- 28 dicembre: si intensifica l'offensiva russa e tre divisioni corazzate attaccano Grozny. I ribelli ceceni concentrano la resistenza intorno al palazzo presidenziale, dove e' asserragliato il loro leader Giokhar Dudaev.

- 19 gennaio: la bandiera russa sventola sul palazzo presidenziale a Grozny. La citta' pero' non sara' mai controllata interamente dalle forze federali che si faranno sorprendere ripetutamente da attacchi dei ribelli.

- 14 giugno: guerriglieri ceceni fanno irruzione nell'ospedale di Budionnovsk, nella Russia meridionale, e prendono in ostaggio mille persone. Le truppe speciali del ministero degli Interni russo tentano due attacchi che falliscono e si concludono con un tragico bilancio di vittime fra i civili (oltre 150 morti). Il premier russo Viktor Cernomyrdin tratta con il ceceno Shamil Basaev, a cui assicura il rientro in Cecenia. La linea ''morbida'' ha successo: pochi giorni dopo vengono avviati negoziati fra il governo russo e i rappresentanti di Dudaev che si concludono con la firma di un primo accordo per il cessate il fuoco, il 30 luglio. (segue)

(Ses/Pn/Adnkronos)