GIAPPONE: RICORDA LE 108MILA VITTIME DI NAGASAKI
GIAPPONE: RICORDA LE 108MILA VITTIME DI NAGASAKI

Tokio, 9 ago. (Adnkronos/Dpa) - Alle undici circa, ora giapponese, il silenzio e' calato sulla citta' di Nagasaki, spezzato solo dalle campane delle chiese e dei templi buddisti. Cosi' e' iniziata oggi la cerimonia in ricordo delle oltre 108mila vittime della bomba atomica sganciata dagli americani sulla citta' il 9 agosto di 51 anni fa. Oltre 25mila persone, tra le quali anche il primo ministro giapponese, Ryutaro Hashimoto, ed il sindaco di Nagasaki, Ichou Ito, hanno partecipato alla cerimonia svoltasi nel ''Parco della Pace'' della citta'.

La bomba su Nagasaki venne lanciata tre giorni dopo quella sganciata su Hiroshima, dove secondo le attuali stime sono morte oltre 197mila persone. Sei giorni dopo il lancio della seconda atomica il Giappone capitolo' e si arrese agli Stati Uniti, segnado la fine della Seconda guerra mondiale. Durante la cerimonia, familiari ed amici delle vittime dell'esplosione nucleare hanno posto nella tomba simbolica, costruita nel parco, una lista di 2.691 nomi di persone morte quest'anno a causa dell'esposizione alle radiazioni dell'atomica. Il numero totale delle vittime di Nagasaki e' di 108.039: meno della meta' morirono per l'esplosione, molte hanno vissuto per mesi, qualcuna anni, prima di perire per le ferite o per le radiazioni. (segue)

(Giz/Gs/Adnkronos)