LUNA: MR HOPE RISPONDE AL PENSIONATO TEDESCO
LUNA: MR HOPE RISPONDE AL PENSIONATO TEDESCO

Frisco, 9 ago. (Adnkronos/Dpa) - Martin Juergens, il 59enne pensionato tedesco che sostiene di essere proprietario della luna, rischia di rimanere deluso: l'uomo d'affari americano che da tempo ormai va vendendo appezzamenti di terreno lunare non intende sospendere la sua attivita' - che finora gli avrebbe fruttato circa 32mila dollari - e di cui dice di avere a suo tempo preventivamente informato il mondo intero, tra cui le autorita' americane, sovietiche e l'Onu.

''Tuttavia, ha scritto il signor Hope in una lettera con cui risponde alla missiva di Juergens, malgrado la serieta' di questa vicenda sono disposto a considerarne anche il lato divertente e pronto inoltre ad entrare in contatto con lei''.

''Stimato signor Hope - gli aveva scritto Juergens - la informo che la Luna appartiene alla mia famiglia dal 15 luglio 1756''. Juergens, originario di Westerkappeln, in Westphalia, aveva chiesto al cittadino americano originario di Rio Vista, vicino Sacramento, di sospendere la vendita di 'lotti di paesaggio lunare', avviata dopo essersi visto riconoscere il diritto a farlo da una non meglio precisata autorita' di San Francisco.

Il pensionato sosteneva che fu Federico di Prussia a regalare la luna ad un suo antenato, tal Aul Juergens, nato nel villaggio di Zarnewanz, in Pomerania nel 1680 e si diceva disposto a tirare fuori i documenti dell'epoca per provare quanto affermava. Vediamo, ha risposto Hope. Che fa poi notare che ''anche se questo fosse, bisognerebbe ancora provare che Federico di Prussia aveva effettivamente il diritto di fare simili doni''.

(Ses/Pe/Adnkronos)