SUDAFRICA: L'ESERCITO PER SEDARE 'GUERRA DEI VIGILANTES'
SUDAFRICA: L'ESERCITO PER SEDARE 'GUERRA DEI VIGILANTES'

Johannesburg, 9 ago. -(Adnkronos)- In Sudafrica e' sceso in campo l'esercito per mettere fine alla ''guerra dei vigilantes'' islamici contro i gangster e gli spacciatori di droga. Da ieri -scrive il ''Times'' di Londra- centinaia di soldati pattugliano le strade di Citta' del Capo, dove le guardie islamiche vanno in giro armate minacciando di morte i criminali. I quali, a loro volta inferociti per la barbara esecuzione di uno dei loro capi, Rashaad Staggie, bruciato vivo domenica scorsa dinanzi alle telecamere delle emittenti televisive sudafricane, hanno giurato vendetta ed hanno minacciato di uccidere i bambini e di dare fuoco alle moschee.

Cosi', mentre continuano i raid della polizia nei covi dei gangster -dove sono state confiscate decine di bottiglie incendiarie ed armi da fuoco- il presidente Nelson Mandela, nel tentativo di placare gli animi dei vigilantes del Pagad (Popolo contro gangsterismo e droga), annuncia l'adozione di nuove misure per la lotta contro il crimine. ''Nel giro di un paio di giorni -ha detto Mandela- la gente del Sudafrica vedra' con che serieta' il governo lotta contro il crimine''.

Secondo alcune voci circolate nei giorni scorsi -e confermate da un teologo musulmano citato dal ''Times''- dietro i vigilantes islamici ci sarebbe la Libia, che provvederebbe ad addestrarli. Anzi sullo stesso suolo sudafricano esisterebbe un campo di addestramento per questi novelli ''giustizieri'' che si sono detti ''pronti a morire'' per difendere Citta' del Capo e il Sudafrica dalla corruzione dilagante, dai criminali e dagli spacciatori di droga.

(Nap/Pn/Adnkronos)