FARNESINA: FASSINO, CONTRIBUTO ITALIANO DECISIVO IN BOSNIA (5)
FARNESINA: FASSINO, CONTRIBUTO ITALIANO DECISIVO IN BOSNIA (5)
LA 'FOTO DI FAMIGLIA' DEI NUOVI ADERENTI ALL'UE

(Adnkronos) - Il sottosegretario entra poi nel delicato tema dell'allargamento ai Paesi dell'Europa Centro Orientale (Peco) della Ue e della Nato: ''due processi distinti con diverse dinamiche ed interlocutori. Per quanto riguarda l'allargamento dell'Unione Europea c'e' un impegno preso a Madrid di aprire i negoziati coi Peco, Malta e Cipro dopo sei mesi dalla fine della Cig. La nostra posizione e' che occorre un atto inaugurale in cui siano presenti tutti i Paesi candidati all'adesione. Insomma alla 'foto di famiglia' devono esserci i primi ministri di tutti i nuovi futuri membri dell'Unione. Poi seguiranno i negoziati bilaterali fra la Ue e ogni Paese candidato''. Piu' complessa e' la questione dell'allargamento dell'Alleanza Atlantica: ''occorre trovare un punto di equilibrio allargando la Nato senza che cio' venga vissuto dalla Russia come un atto di ostilita'. Bisogna quindi trovare un'intesa con la Russia, offrendole non un diritto di decisione e tantomeno di veto, ma un riconoscimento del suo ruolo politico''.

''Ci vuole percio' una strategia articolata: si tratta -conclude Fassino- di decidere a chi si allarga, prediligendo i Paesi territorialmente piu' contigui alla Nato. Per gli altri Paesi occorrera' rafforzare la Partnership for Peace (i programmi di esercitazioni congiunte e di cooperazione fra la Nato e i Paesi dell'ex Patto di Varsavia). Bisognera' inoltre prevedere che l'allargamento avvenga senza dislocazione di armamenti nucleari e senza trasferimento di truppe straniere nei Paesi integrati. Sara' molto utile che i Paesi che entrano nella Nato stabiliscano al tempo stesso i rapporti di cooperazione bilaterale piu' intensi con la Russia, al fine di creare una clima di reciproca fiducia. Infine, allargandosi la Nato, occorrera' prevedere forme di concertazione piu' ampie dell'Alleanza Atlantica con l'Osce e un coinvolgimento piu' ampio della Russia nell'Osce e in tutte le azioni di peacekeeping''.

(Red/Gs/Adnkronos)