MARTE: NUOVA ENERGIA PER LA VITA DELLA NASA
MARTE: NUOVA ENERGIA PER LA VITA DELLA NASA

Washington, 10 ago. (Adnkronos/Los Angeles Times) - La scoperta della presenza, 3,6 miliardi di anni fa, di forme di vita elementari sul pianeta Marte ha dato nuova energia e soprattutto nuova vita alla agenzia spaziale americana, Nasa. L'entusiamo degli anni Sessanta per l'esplorazione spaziale sembrava orami perso, ma la straordinaria scoperta di un batterio monocellulare su un meteorite proveniente dal Pianeta Rosso, rinvenuto nel 1984 al Polo Sud, ha riportato alla memoria le grandi imprese spaziali del passato, dato nuova forza al programma spaziale americano e rilanciato il ruolo della Nasa.

Daniel Goldin, amministratore della Nasa, ha riferito di non aver mai ricevuto tanto entusiamo in oltre, quattro anni di guida all'agenzia, come quando ha dato la straordinaria notizia a 15 leader del Congresso. Secondo gli osservatori, con questa svolta, anche il dibattito e la lunga battaglia sulla questione del budget della Nasa assumera' un tono molto diverso ed il programma spaziale verra' accelerato. Gli scienziati dell'agenzia spaziale americana prevedono di anticipare di quattro anni il progetto, previsto per il 2005, per l'invio di un robot su Marte, che raccogliera' ulteriori dati utili alla ricerca.

Dopo il robot, Goldin e' convinto che potrebbe essere la volta dell'uomo a sbarcare sul Pianeta Rosso: ''E' solo questione di tempo''. Il piano per andare su Marte da' nuovo impeto al programma per le stazioni spaziali, hanno sostenuto molti esperti, perche' ogni missione in orbita intorno alla terra richiederebbe lo svolgimento delle ricerche della vita in assenza di gravita'. Il costo sarebbe sbalorditivo: secondo stime compiute negli anni Ottanta per una missione di due anni su Marte sarebbero necessari 400 miliardi di dollari (600mila miliardi di lire).

(Giz/Pn/Adnkronos)