TWA 800: ANCORA NESSUNA PROVA PER LA BOMBA, FORSE UN GUASTO
TWA 800: ANCORA NESSUNA PROVA PER LA BOMBA, FORSE UN GUASTO

New York, 10 ago. -(Adnkronos)- La mancanza di prove che sia stata una bomba la causa del disastro del Boeing 747 della Twa, esploso in volo il 17 luglio scorso, rafforza la teoria di un guasto meccanico. Non ci sono tracce di esplosivo sui resti rinvenuti finora del Jumbo che esplose in volo poco dopo il decollo, provocando la morte di 230 persone. Percio' non puo' essere confermato che l'ordigno fosse stato nascosto tra i bagagli caricati nella stiva anteriore dell'aereo. E' certo che un esplosione e' avvenuta nella parte frontale del velivolo, che si e' spaccato in due, ma la causa della deflagrazione e' ancora oscura. Mettendo quindi in dubbio la teoria della bomba, si fa avanti l'ipotesi del guasto meccanico, piu' precisamente che sia esploso il serbatoio centrale del Jumbo.

L'aereo non aveva il pieno di carburante, solo le cisterne laterali erano piene, il serbatoio centrale era praticamente vuoto e secondo alcuni esperti i vapori causati dalla nafta potrebbero aver causato l'esplosione. In questo caso pero' e' necessario tener presente il fattore temperatura: all'interno del serbatoio e' stato riscontrato che vi erano 20 gradi centigradi, pochi per poter causare un'esplosione. Gli investigatori dell'Fbi, comunque, non intedono tralasciare nulla e continuano a seguere tutte e tre le ipotesi: la bomba, il missile ed il guasto meccanico. (segue)

(Giz/Pn/Adnkronos)