CALABRIA: PER INTIMIDAZIONI CHIUDE FARMACIA (2)
CALABRIA: PER INTIMIDAZIONI CHIUDE FARMACIA (2)

(Adnkronos) - Da tre giorni Rossella Carullo, le due figlie e il marito dott. Antonio Elia, hanno abbandonato Stefanaconi si sono traferiti in una localita' segreta in attesa di ricevere da parte dello Stato quelle garanzie precise che li garantisca sia sul piano dell'incolumita' personale che professionale. Antonio Elia come la moglie Rosella, e' dottore ed insieme alla moglie Rosella da vent'anni esercita la professione di medico a Stefanaconi, nelle guardie mediche e nelle ore fuori servizio, presta la sua attivita' come medico di famiglia a supporto dell'attivita' della moglie nella farmacia.

''Per vent'anni abbiamo servito senza chiedere. Non mi sono mai pagato una visita da nessuno -dichiara Antonio Elia- svolgendo la mia professione come servizio sociale. Mia moglie -prosegue Elia- ha chiuso perche' non se la sentiva piu' di continuare. Psicologicamente non era piu' nelle condizioni di poter continuare a svolgere un servizio cosi' importante come quello farmaceutico, dove occorre molta attenzione. Non aveva piu' la tranquillita' necessaria per farlo''. (segue)

(Nsp/Pe/Adnkronos)