GIUSTIZIA: CONDANNATA BANCA PER ASSEGNO PAGATO AD ALTRO BENEFICIARIO
GIUSTIZIA: CONDANNATA BANCA PER ASSEGNO PAGATO AD ALTRO BENEFICIARIO

Milano, 3 set. (Adnkronos) - Il Tribunale di Milano ha condannato una banca per aver pagato un assegno ad una persona diversa dal beneficiario. L'Istituto di credito in questione, la Deutsche Bank, dovra' ora versare una somma pari a sette volte il valore del titolo in questione.

Si e' chiusa cosi', presso l'ottava sezione civile del Tribunale, la causa promossa da una societa', la Imperial Electronics, che aveva citato la Banca d'America e d'Italia (alla quale subentro' in seguito la Deutsche Bank) per aver pagato, nel 1989, un assegno di 4 milioni e 852 mila lire a favore di Ferdinando Ragni, ad una persona diversa che lo aveva presentato all'incassso. L'assegno in questione era contenuto in un plico scomparso, per il quale era stata presentata una denuncia di smarrimento o di sottrazione.

Nella sentenza, il Tribunale sottolinea come ''l'accorto banchiere non puo' ignorare che la falsificazione degli assegni costituisce evento tutt'altro che infrequente per cui i funzionari addetti alle operazioni di cassa devono adottare ogni diligenza al fine di verificare se il titolo presentato rechi segni visibili di una alterazione''. I giudici dell'ottava sezione civile dopo aver sottolineato la negligenza della banca, che avendo negoziato l'assegno avrebbe dovuto svolgere l'esame che invece e' stato omesso, hanno condannato per '' illecito aquiliano''la banca a pagare alla Imperial 33 milioni e 650 mila lire oltre alle spese di causa.

(Red/As/Adnkronos)