PENTITI: AYALA, PARLAMENTO POTRA' RECEPIRE MOLTE INDICAZIONI
PENTITI: AYALA, PARLAMENTO POTRA' RECEPIRE MOLTE INDICAZIONI

Roma, 3 set. (Adnkronos) - I contenuti della relazione sui collaboratori di giustizia ''e' ''il frutto di una riflessione seria'' e offre al Parlamento ''indicazioni e spunti di indicazioni molto seri'', che rappresentano il risultato ''meditato e consapevole'' dell'applicazione della legge nei suoi primi cinque anni di vita. Per questo, Camera e Senato ''potranno recepire, con una maggioranza abbastanza ampia, piu' di una di queste indicazioni''. Ne e' convinto il sottosegretario alla Giustizia, Giuseppe Ayala, che non azzarda pero' previsioni sulle modifiche che il Parlamento decidera' di apportare alla normativa sui pentiti: ''bisognerebbe avere una palla di vetro, e io non ce l'ho''.

Rispetto al momento in cui entro' in vigore la legge, l'aumento dei collaboratori, riconosce Ayala, ''e' notevole''. Tuttavia, rispetto agli ultimi mesi, ''la crescita non sembra sproporzionata'': ''Chi ha parlato in questi termini -aggiunge- non conosceva i dati. Noi addetti ai lavori sapevamo benissimo che negli ultimi sei mesi non c'e' stato un ulteriore, particolare incremento. Chi parlava, di queste come di molte altre, parlava a sproposito. Bisogna avere pazienza, e andare avanti. La liberta' di parola non va negata a nessuno: anche a chi, in malafede e strumentalmente, dice certe cose, a chi non sa nulla e crede di poter parlare lo stesso''.

Il sottosegretario alla Giustizia confida ora ''nel senso di responsabilita' del Parlamento'', del quale, sottolinea, ha ''grande rispetto''. ''Il tema e' delicato. Il governo ha fatto il suo dovere, offrendo le indicazioni che riteneva piu' opportune: direi che fisiologicamente il Parlamento dovra' tenerne conto e iniziare il suo lavoro''.

(Arc/As/Adnkronos)