PETROLIO: ATHOS DE LUCA, NESSUN TERMINALE A CIVITAVECCHIA (2)
PETROLIO: ATHOS DE LUCA, NESSUN TERMINALE A CIVITAVECCHIA (2)
INVESTIMENTO PERMANENTE PER LA DARSENA

(Adnkronos) - ''Garanzie -ha sottolineato De Luca- sia di intervento rapido riguardo ad eventuali, e gia' verificatesi, fuoriuscite di petrolio dalle navi nelle fasi di scarico del greggio, sia di maggiore sicurezza per il traffico passeggeri che si verrebbe a intrecciare con le rischiose operazioni in rada delle petroliere. E non ultimo, la darsena aprirebbe nuovi sbocchi occupazionali per la citta' di Civitavecchia e rappresenterebbe un investimento permanente''. Per quanto riguarda la battaglia per ridurre la durata della concessione alla Italpetroli per 50 anni, il Senatore Athos De Luca ha ricordato che ''le concessioni sono rinnovabili alla loro scadenza''.

Un altro punto di ''grande preoccupazione'' per i Verdi e' ''l'apertura di un rubinetto petrolifero di tali capacita', oggi transitano petroliere da 40-50mila tonnellate mentre domani da 150mila tonnellate minimo, nel comprensorio energetico di Civitavecchia-Montalto potrebbe far saltare -ha detto ancora De Luca- i piani di risanamento ambientale che prevedodono l'uso del metano nelle Centrali, essenziale per la salvaguardia della salute pubblica''.

''E' inutile negare che questo terminale petrolifero si porta dietro un grosso business ed un fiume di miliardi con innegabili vantaggi anche per l'Enel derivanti dalle forniture'' ha concluso il senatore Athos De Luca che, intanto, sull'iniziativa della Procura di convocare il Verde Gattavilla per accertare la regolarita' della raccolta delle firme contro la piattaforma, De Luca ha dichiarato di aver presentato una interrogazione parlamentare urgentissima al Ministro di Grazia e Giustizia Flick.

(Ada/Pn/Adnkronos)