PETROLIO: ATHOS DE LUCA, NESSUN TERMINALE A CIVITAVECCHIA
PETROLIO: ATHOS DE LUCA, NESSUN TERMINALE A CIVITAVECCHIA
''E' SOLO UN BUSINESS. A RISCHIO PASSEGGERI E AMBIENTE''

Roma, 3 set. -(Adnkronos)- No secco del senatore Verde Athos De Luca all'apertura del terminale petrolifero nel porto di Civitavecchia. ''Se l'Italpetroli ottenesse il consenso del Governo all'apertura della piattaforma petrolifera nel porto di Civitavecchia, dall'esecutivo arriverebbe un chiaro segnale delle scelte di politica energetica per il nostro Paese'' ha dichiarato all'Adnkronos il senatore Verde Athos De Luca, intervistato alla vigilia del sit-in indetto per domani mattina al porto di Civitavecchia cui e' prevista l'adesione, oltre dei Verdi, anche di esponenti del Polo delle Liberta', dei sindacati, delle associazioni ambientaliste e di numerosi cittadini.

''L'apertura di un terminale petrolifero a Civitavecchia -ha detto De Luca- non e' una vicenda locale, ma emblematica della situazione nazionale ed il Governo ora e' chiamato a sciogliere anche il nodo della nostra politica energetica''.

''Una volta realizzata la torre petrolifera, il Governo, nelle attuali difficolta' di bilancio avra' delle gravi emergenze e priorita' e si trovera' nella impossibilita' di giustificare la spesa di centinaia di miliardi per realizzare la darsena, di fatto 'sostituita' dalla torre petrolifera'' ha aggiunto il senatore dei Verdi.

De Luca ha sottolineato che, invece, ''la costruzione della darsena e' decisamente auspicabile in quanto garantisce maggiore sicurezza sia dal punto di vista ambientale, perche' offre maggiori garanzie''. (segue)

(Ada/Pn/Adnkronos)