TEATRO DELL'OPERA: REAZIONI POSITIVE ALLA NOMINA DI ESCOBAR
TEATRO DELL'OPERA: REAZIONI POSITIVE ALLA NOMINA DI ESCOBAR
IL CURRICULUM DEL NUOVO SOVRINTENDENTE ROMANO

Roma, 27 set. (Adnkronos) - L'indicazione di Sergio Escobar alla carica di sovrintendente del Teatro dell'Opera di Roma, avvenuta ieri sera nell'aula Giulio Cesare del Campidoglio, sede del Consiglio comunale, con 29 voti a favore, sette schede bianche e una sola indicazione diversa (per l'ex Gian Paolo Cresci) ha gia' raccolto reazioni positive, in attesa dell'imprimatur, tanto ufficiale quanto scontato, da Palazzo Chigi.

Particolarmente entusiasta l'Associazione ''Amici dell'Opera'', che proprio in Escobar aveva indicato la persona giusta a ricoprire il ruolo, vacante dopo l'uscita di Giorgio Vidusso. ''Salutiamo la nomina con particolare soddisfazione - affermano il presidente Giovanni Pieraccini e il vicepresidente Vittorio Emiliani - Siamo convinti che il nuovo sovrintendente sara' in grado di continuare il rilancio gia' avviato e stimolare tutte le potenzialita' dell'ente lirico romano verso obiettivi di sempre piu' alta qualita'. Una personalita' come quella di Escobar, in grado di coniugare capacita' manageriali con una specifica esperienza nel settore, puo' garantire una guida sicura in questo delicato momento di trapasso che vede la trasformazione degli enti lirici in fondazioni di diritto privato''.

Sergio Escobar, milanese, 46 anni il prossimo 3 novembre, laureato in Storia della Filosofia alla Statale di Milano, vanta nel suo curriculum la copertura di posti di grande rilievo e responsabilita'. Dal '79 all'83 e' responsabile della direzione mass media e marketing della Scala, collaborando anche alla fondazione dell'Orchestra Filarmonica. Dall'83 all'85 cura per il gruppo Fininvest le coproduzioni con reti televisive inglesi, tedesche e spagnole e partecipa ai lavori di fondazione dell'Auditel. Tornato alla Scala, ne realizza le tournee internazionali a Vancouver, Berlino, Seul, Tokyo, Mosca e Leningrado. Nel '90 viene nominato sovrintendente del Teatro Comunale di Bologna e dal marzo '95 del Carlo Felice di Genova, che ora lascera' per ricoprire lo stesso ruolo all'Opera di Roma.

(Sin/As/Adnkronos)