MOSTRE: A ROMA ''OMAGGIO A BALTHUS'' (2)
MOSTRE: A ROMA ''OMAGGIO A BALTHUS'' (2)

(Adnkronos) - Nato nel 1908 a Parigi e vissuto a lungo presso Autun, figlio di genitori di origine polacca, in esilio, entrambi attivi in ambiente artistico (la madre era pittrice e il padre critico d'arte) e con un fratello -Pierre Kossowski- scrittore e pittore, Balthus rappresenta uno dei massimi e piu' enigmatici artisti di questo secolo e uno dei ''grandi vecchi'' dell'arte del XX secolo.

Cresciuto a contatto con i grandi pittori e scrittori della sua epoca -Bonnard, Derain, Cezanne, Matisse, Miro' e Rilke, Artaud, Camus, Malraux- dopo la giovinezza trascorsa in Inghilterra e in Svizzera e molti viaggi in Italia, dove si appassiona all'arte del Rinascimento, si da' alla pittura come autodidatta.

La sua prima personale a Parigi nel 1934 rivela la profonda influenza sulla sua pittura degli artisti toscani rinascimentali, soprattutto Piero della Francesca. Si occupa anche di teatro, realizzando le scenografie di alcuni spettacoli di Artaud, Camus, Betti. Dopo la guerra e un lungo soggiorno in Savoia, torna a Parigi, dove nascono le sue opere piu' grandiose ispirate alla vita cittadina. (segue)

(Com/Zn/Adnkronos)