MOSTRE: A ROMA ''OMAGGIO A BALTHUS'' (2)
MOSTRE: A ROMA ''OMAGGIO A BALTHUS'' (2)

(Adnkronos) - Nel 1954 si trasferisce a Chassy, dove sperimenta l'uso di nuove materie legate al contatto con la terra. Dipinge in questo periodo soprattutto paesaggi, ma anche nature morte, interni, ritratti.

Nel 1961 Malraux gli propone la direzione dell'accademia di Francia a Roma: Balthus accetta e restera' a Roma per piu' di quindici anni, facendo restaurare villa Medici, viaggiando moltissimio, soprattutto in oriente, di cui si ritrova l'atmosfera in molte sue opere di quegli anni, e dedicandosi soprattutto al disegno. Sono di questo periodo i molti ritratti di giovani figure femminili, disegnate in atteggiamenti scomodi, non naturali, dove traspare un erotismo latente.

Nell'ultimo decennio oltre alla qualita' del disegno anche la pittura di Balthus tocca il suo apice, raggiungendo una perfezione assoluta, che e' diventata nel tempo la sua cifra stilistica e la sua ossessione. Dal 1976 l'artista vive in un antico, grande chalet a Rossiniere nel Cantone Svizzero del Vaud.

(Com/Pn/Adnkronos)