CROTONE: MANCINI SU MORTE MESSINETTI
CROTONE: MANCINI SU MORTE MESSINETTI

Cosenza, 17 ott. (Adnkronos) - ''La scomparsa di Silvio Messinetti mi rattrista profondamente. Si conclude una vita esemplare di medico, amministratore, parlamentare, che ha scritto capitoli indimenticabili della storia della nostra regione''. E' quanto scrive Giacomo Mancini, ex segretario nazionale del Psi.

''Nato all'inizio del secolo, ha frequentato il Liceo Telesio di Cosenza, traendo dall'insegnamento di Pietro Mancini, professore filosofia, l'interesse per il socialismo unitamente a un gruppo di giovani intellettuali come Francesco Vaccaro, Francesco Spezzano, Filippo Martire, Florindo De Luca, Angelo Corrado impegnati negli anni successivi nelle battaglie socialiste a fianco dei contadini. Silvio Messinetti e' stato per lunghi anni sindaco di Crotone. Alla sua citta' ha dedicato la sua intelligenza e la sua preparazione. Presente sempre in linea nel movimento delle lotte dei contadini poveri di cui fu rappresentante coerente in Parlamento''.

''Durante le discussioni alla Camera della legge Truffa del 1953 -prosegue Mancini- si distinse rovesciando le urne nel momento del voto finale. Volle con particolare dedizione la costruzione a Crotone di un moderno ospedale di cui fu primario. E' stato un uomo libero e coerente, forte e coraggioso, saggio e saldo nelle sue convinzioni. Un esempio per la sinistra e per la democrazia''.

(Com/As/Adnkronos)