SALAMONE: SGARBI, VOGLIONO SALVARE DI PIETRO A TUTTI I COSTI
SALAMONE: SGARBI, VOGLIONO SALVARE DI PIETRO A TUTTI I COSTI
MAIOLO, CORDONE SANITARIO INTORNO ALL'EX MAGISTRATO

Roma, 17 ott. -(Adnkronos)- ''E' uno scandalo. La prova che Di Pietro e' intoccabile, che bisogna salvarlo a tutti i costi, il che evidentemente significa che c'e' qualcosa da salvare''. Tuona Vittorio Sgarbi contro l'attuale ministro dei Lavori Pubblici, Antonio di Pietro, alla notizia della rimozione del Pm bresciano Fabio Salamone, che rapprenteva l'accusa nel processo contro l'ex ministro di Forza Italia, Cesare Previti e Paolo Berlusconi. Alla base della decisione del procuratore generale, Raimondo Giustozzi, l'indagine che Di Pietro fece nei confronti del fratello di Salamone.

''Questa motivazione -aggiunge Sgarbi- prova che chi deve giudicare Di Pietro deve essere il piu' 'elegante' possibile. Ma guai a mettere in discussione i suoi amici, come l'avvocato Lucibello, che ha fatto da 'vendetta lombarda' tra Di Pietro e Pacini Battaglia. Ma verra' la sua ora -conclude il parlamentare di Forza Italia- verra' travolto dall'inchiesta di La Spezia''.

Piu' cauta, ''non voglio mica essere querelata'', ma sostanzialmente dello stesso avviso, un'altra parlamenatre di Forza Italia, Tiziana Maiolo: ''E' evidente che in Italia alcuni magistrati o ex magistrati godono di situazioni di privilegio, rispetto ai cittadini comuni. L'intervento di autorita' del procuratore generale per rimuovere Salamone dimostra che intorno a l'attuale ministro dei Lavori Pubblici, c'e' una sorta di salvagente, di cordone sanitario, che si forma ogni volta che qualcuno gli si avvicina. Se cosi' non fosse -osserva l'ex presidente della commissione Giustizia- dovrei pensare che Di Pietro e' un uomo fortunatissimo, visto che viene prosciolto da accuse per le quali i cittadini comuni vengono condannati anche senza prove. Non sono sospettosa -conclude la Maiolo- ma davanti a questi fatti qualche considerazione si dovra' pur fare''.

(Vlo/Gs/Adnkronos)