CONTI PUBBLICI: CAVAZZUTI, NEL '96 FABBISOGNO OLTRE 123.000 MLD
CONTI PUBBLICI: CAVAZZUTI, NEL '96 FABBISOGNO OLTRE 123.000 MLD

Roma, 17 ott. -(Adnkronos)- ''Il rischio di uno sfondamento del fabbisogno del '96 fino a 123.000 miliardi e anche oltre e' ormai un dato di fatto'': e' quanto ha affermato il sottosegretario al Tesoro Filippo Cavazzuti concludendo ieri il dibattito generale in commissione bilancio sulla finanziaria. Cavazzuti ha ribadito che l'obiettivo Europa sara' centrato dal nostro paese con un rapporto fabbisogno Pil al 3 per cento e una inflazione al 2,5 per cento: ''L'ingresso in Europa -ha detto- costringera' a fare di necessita' virtu'. Per questo senza particolari colpi di fantasia il Governo ha presentato una manovra concreta in grado di far conseguire gia' nel '97 l'obiettivo del 3 per cento del Pil anche in termini di indebitamento delle pubbliche amministrazioni.

''Il Governo -ha aggiunto- e' fiducioso sulle aspettative di calo dell'inflazione e non teme che vi saranno pressioni sul lato della domanda o del commercio estero o in seguito alle ripercussioni della crescita ecoomica statunitense che viaggia verso una situazione di piena occupazione. L'inflazione sara' del 2,5 per cento. La scommessa da cui parte il Governo e' l'abbattimento del differenziale sui tassi di interesse: un obiettivo che consentira' all'Italia di rientrare da subito nello Smee poi nell'Uniome monetaria godendo del cosiddetto dovidendo di Maastricht''.

Cavazzuti ha anche replicato alle osservazioni del servizio bilancio della Camera presentando una integrazione alla relazione tecnica: ''Il Governo -ha ribadito- e' stato molto prudente nel valutare gli effetti dei risparmi delle varie amministrazioni. Tuttavia e' estremamente sensibile a tutte le proposte di miglioramento e rafforzamento dell'efficacia delle misure proposte''.

(Ric/Zn/Adnkronos)