EUROTASSA: UCKMAR SUGGERISCE UN +1 PC SULL'IVA (2)
EUROTASSA: UCKMAR SUGGERISCE UN +1 PC SULL'IVA (2)
PER GALLO LA SOLUZIONE E' UN PRESTITO FORZOSO

(Adnkronos) - Per Franco Gallo, docente della Luiss di Roma e gia' ministro delle Finanze nel governo Ciampi, la via da seguire e' invece quella di un prestito forzoso: ''Scarterei un'addizionale sull'Irpef -afferma- perche' con un minimo imponibile di 20 mln avrebbe effetti terribili sui redditi medi. Se il gettito Irpef e' di 160 mila mld, togliendo 30 mila mld del minimo imponibile, chi deve pagare questi 13 mila mld sul resto?!.

La risposta e' che sarebbe un' addizionale troppo rilevante, eccessiva. Io penserei ad un meccasismo con un'ampia base impositiva e scarterei la patrimoniale perche' colpirebbe per l'ennesima volta il patrimonio immobiliare. Quindi penserei ad un prestito forzoso che non e' male, perche' un prestito, poi, viene rimborsato. Farei un prestito forzoso su una base molto ampia, dal lavoro dipendente a quello autonomo, agli enti che hanno liquidita' e cosi' via''.

E l'ipotesi Iva? ''L'Iva?! Ma con l'inflazione e i tassi poi come si fa?!''. Ma l'Italia non deve comunque ritoccare le aliquote Iva per armonizzarsi con il resto dell'Europa? Gallo rimanda la soluzione del problema: ''Aumenteremo dopo che siamo entrati in Europa''. Tutt'altra posizione quella di Enrico De Mita docente della Cattolica di Milano: ''Una addizionale sulle imposte personali, Irpef e Irpeg. Se e' un'addizionale la pagano tutti'', afferma escludendo poi la praticabilita' di un ritocco dell'Iva. (Car/lr/Adbkronos)

null