AFGHANISTAN: ACCORDO TALEBAN DOSTUM, TRAMITE IL PAKISTAN (2)
AFGHANISTAN: ACCORDO TALEBAN DOSTUM, TRAMITE IL PAKISTAN (2)

(Adnkronos) - La settimana scorsa Massood aveva stretto, con il sostegno russo e iraniano, un accordo anti Taleban con l'ex comunista Dostum e Khaleeli. Da allora Massood, fuggito tre settimane prima da Kabul, aveva ripreso l'iniziativa militare puntando con successo verso la capitale. Quell'accordo ''continua ad esistere''-ha detto il portavoce di Islamabad, lasciando intendere che il suo paese non vuole escludere dal gioco Rabbani e Massood. Il Pakistan -ha poi spiegato- pensa che un accordo inter afghano debba riflettere ''la realta' etnica e religiosa'' e che ''il ruolo dei Taleban non puo' essere ignorato''.

Il governo di Islamabad, tramite il ministro degli Interni Babar (responsabile dell'intelligence) e' considerato il principale sponsor dei Taleban, di etnia pashtun come una parte dei pachistani. Da quando i Taleban sono entrati a Kabul, il Pakistan si e' adoperato per raggiungere un accordo per un governo di larghe intese, contattando l'Iran (sostenitore di Rabbani) e mandando propri inviati in Uzbekistan, Tagikistan e Turkmenistan.

Per ora Rabbani e Masood non mostrano aperture verso i Taleban: Abdul Rahim Ghafoorzai, che continua a rappresentarne il governo all'Onu, ha dichiarato ieri sera a New York che, prima dell'entrata in vigore di un cessate il fuoco, i Taleban devono lasciare Kabul e ritirare dall'area le loro armi pesanti.

Dopo alcuni giorni di silenzio, si e' infine levata anche la voce dell'integralista Gulbuddin Hekmatyar, primo ministro (e vecchio avversario) di Rabbani, il quale si e' pubblicamente opposto al ritorno ''del vecchio ordine'', ovvero del governo da lui guidato.

(Civ/Zn/Adnkronos)