AFGHANISTAN: IL RE LAVORA PER UNA GRANDE ASSEMBLEA
AFGHANISTAN: IL RE LAVORA PER UNA GRANDE ASSEMBLEA

Roma, 17 ott. (Adnkronos)- L'ex re afghano Zahir Shah e' in contatto con tutte le parti in Afghanistan ed e' favorevole ad una soluzione politica che coinvolga tutti, una soluzione incentrata sulla convocazione di una Loya Jirga, la tradizionale Grande Assemblea. Questo e' quanto hanno raccontato fonti molto ben informate all'Adnkronos, dopo che alcuni giornali hanno pubblicato la notizia di contatti fra l'ex sovrano, in esilio a Roma dal 1973, e un emissario di Ahmed Shah Massood, il comandante delle forze del deposto presidente Burhannudin Rabbani.

Zahir Shah -spiegano le fonti- pensa che la prima tappa per riportare la pace nel suo paese debba essere l'avvio di un dialogo inter afghano, successivamente dovrebbe essere convocata una Loya Jirga: la Grande Assemblea scegliera' un presidente e dara' il suo voto di fiducia ad un governo di transizione, la cui durata sara' stabilita dall'Assemblea stessa. Al termine di questo periodo verranno indette elezioni libere, eque e democratiche in tutto il paese.

La Loya Jirga e' una tradizione afghana vecchia di secoli: ne fanno parte eminenti personalita' (dotti, religiosi, capi tribali) e rappresentanti inviati da Loya Jirga piu' piccole convocate a livello locale. E sarebbe proprio la forza di questa tradizione, negli intenti dell'ex sovrano, a dare legittimita' alle sue scelte. (segue)

(Civ/As/Adnkronos)