FASCISMO: TIMES, ITALIA FRANCIA E SPAGNA A RISCHIO (2)
FASCISMO: TIMES, ITALIA FRANCIA E SPAGNA A RISCHIO (2)

(Adnkronos) - Di fatto, spiega il Times, tutte queste politiche hanno portato alla guerra, alla Gestapo, ai campi di sterminio ed all'Olocausto, ma cio' non significa che esse non ebbero presa sulla gente, come non si puo' escludere che analoghi temi abbiano presa adesso. Rees-Mogg enumera alcuni successi che Hitler ha conseguito: ''il programma economico di Hitler varato nel 1933 ebbe maggior successo nel ridurre la disoccupazione del New Deal di Franklin Delano Roosvelt. In media i tedeschi non israeliti vivevano meglio nel 1935 rispetto a quando Hitler e' andato al potere. Le nazioni straniere hanno ricominciato a rispettare e temere la Germania''. Il Times nota inoltre che alcuni elementi della propaganda fascista furono successivamente utilizzati da sinceri democratici. Vi e' il caso di John Kennedy, che ''uso' aspetti della retorica fascista come il culto della gioventu', il nazionalismo, il prestigio del leader, la spietata competizione, l'enfasi nella potenza militare''.

Secondo il Times, solo se comprendiamo il fascino esercitato dal fascismo possiamo capire il pericolo di un suo eventuale ritorno. In Italia, Germania e Spagna, vigeva un sistema politico piu' o meno democratico, quando il fascismo ando' al potere. ''Quando la democrazia non soddisfa il popolo, l'idea di dittatura diventa popolare. Nel 1933 la democrazia tedesca e' stata indebolita dalla dura recessione, dall'inflazione degli anni Venti che aveva distrutto gli equilibri sociali, dall'alto numero di senza lavoro, dalla crisi morale, dall'esistenza di partiti estremisti, e dal crollo della fiducia nei leader democratici''. Fortunatamente, le condizioni di crisi non esistono nella moderna Germania: ''la disoccupazione e' piu' alta di quanto dovrebbe essere, ma l'inflazione rimane bassa, la Germania e' prosperosa, non ci sono partiti estremisti, e il cancelliere Kohl e' un'autorita' mondiale''. (segue)

(Red/Zn/Adnkronos)