LIBIA: SOCIETA' G.B. NE 'RIPULIRA'' L'IMMAGINE
LIBIA: SOCIETA' G.B. NE 'RIPULIRA'' L'IMMAGINE

Londra, 17 ott. (Adnkronos) - Il colonnello Muhammar Gheddafi si affida ad una societa' di pubbliche relazioni britannica per migliorare l'immagine politica della Libia e porre fine al suo isolamento internazionale. Si e' infatti appreso che, dopo trattative segretissime, il governo di Tripoli ha firmato un contratto con la ''GJW International'', una societa' di ''lobbysmo'' politico che fa parte della ''GJW Government relations'' di Londra, incaricandola di ''monitorare'' la stampa e la diplomazia britanniche, dando nel contempo suggerimenti alla Libia per migliorare la propria posizione con il governo di Londra e promuovere rapporti commerciali tra i due Paesi. La notizia ha scatenato -come era facile prevedere- un vespaio di polemiche in Gran Bretagna, Paese che ha interrotto le relazioni diplomatiche con la Libia nel lontano 1985. La decisione fu presa dall'allora primo ministro, la signora Margareth Thatcher, a seguito dell'uccisione di Yvonne Fletcher, la poliziotta che mori' sotto il fuoco degli agenti libici -accusa il governo inglese- quando fu presa d'assalto da oppositori l'ambasciata libica a Londra.

Il contratto concluso con la compagnia ''lobbysta'' ha suscitato polemiche anche perche' sulla Libia pesano rigide sanzioni, imposte dalla Nazioni Unite a seguito del rifiuto di Tripoli di consegnare alla giustizia britannica due suoi agenti che si presume siano stati coinvolti nell'attentato aereo di Lockerbie, del 1988. La ''GJW'' ha replicato per bocca del suo presidente, Wilf Weeks: ''Non abbiamo niente da nascondere -ha rimarcato- non siamo stupidi. Abbiamo pensato a fondo prima di accettare questo contratto e sappiamo che i libici non sono angeli''.

(Red/Gs/Adnkronos)