CC: MUSSI, POLEMICA? HO CONTESTATO UN FATTO SPECIFICO
CC: MUSSI, POLEMICA? HO CONTESTATO UN FATTO SPECIFICO
''ERA PRONTO UN 'PASSI' PER UN UFFICIALE DELL'ARMA''

Roma, 17 ott. (Adnkronos)- ''Nessuna polemica con i Carabinieri. Io mi sono limitato a contestare al Comandande generale dell'Arma un fatto specifico, nient'altro''. Fabio Mussi torna sulla vicenda dell'ufficiale del Ros che avrebbe tentato di entrare alla Camera nel ruolo di 'agente provocatore'.

''Io non ho contestato al generale Federici -aggiunge il capogruppo della Sd a Montecitorio, conversando con alcuni cronisti- le affermazioni sulla finanziaria o su altre questioni... No, ho contestato un fatto specifico: che lui abbia affermato che nessun militare dell'Arma ha mai messo piede a Montecitorio. E' vero, nessuno e' mai entrato, ma io ho scoperto che un ufficiale del Ros ci ha provato. C'era all'ingresso un 'passi' a suo nome. Che poi non ci sia riuscito non attenua la gravita' dell'episodio''.

Secondo Mussi, ''le guarentigie dei parlamentari sono ben definite nell'articolo 68 della Costituzione. E valgono sia fuori sia dentro il Parlamento. Un mio vicepresidente e' stato oggetto di determinate 'attenzioni' ed io che sono il presidente del gruppo ho ritenuto mio dovere presentare un'interrogazione al ministro di Grazia e Giustizia, tutto qui''.

(Pnz-Rao/Zn/Adnkronos)