FINANZIARIA: I GESUITI, GIUSTO TAGLIARE LE PENSIONI BABY
FINANZIARIA: I GESUITI, GIUSTO TAGLIARE LE PENSIONI BABY

Roma, 17 ott. - (Adnkronos) - Senza tagliare le pensioni baby e quelle molto alte non ci puo' essere una legge finanziaria veramente equa. Lo sostiene ''Civilta' cattolica'' che, in un articolo firmato da padre Giuseppe De Rosa in cui vengono passati in rassegna i punti principali della manovra governativa, definisce ''giusta'' questa misura per contenere il deficit pubblico. L'autorevole rivista della Compagnia di Gesu' condivide ''la necessaria severita''' della legge finanziaria e soprattutto il suo ammontare, ma chiede che alcuni aspetti vengano corretti: tasse sulla casa, ad esempio, non devono essere previste.

E' ''grave'', sosstengono i gesuiti, ''l'impressione che l'on. Bertinotti abbia avuto un peso determinante'' nell'impedire una revisione del sistema pensionistico. ''Il fatto di non aver toccato le pensioni baby -scrive De Rosa- e' stato negativo, come fortemente negativo e' stato l'aumento della tassa sulla casa, mentre non si e' intervenuto con la necessaria severita' sugli infiniti sprechi di molti settori della pubblica amministrazione''.

Suggerendo alcune correnzioni per rendere la Finanziaria piu' equa, la ''Civilta' cattolica'' indica, ad esempio, ''una piu' severa tassazione dei redditi alti e altissimi'' e ''il necessario disboscamento dei privilegi di una parte consistente dell'apparato pubblico''.

(Pam/Zn/Adnkronos)