SONDAGGI: DIRECTA, D'ALEMA E BERLUSCONI PERDONO CONSENSI
SONDAGGI: DIRECTA, D'ALEMA E BERLUSCONI PERDONO CONSENSI

Milano, 17 ott. (Adnkronos) - A sei mesi di distanza dalle elezioni politiche del 21 aprile, l'Osservatorio politico e sociale di Directa rileva mutamenti significativi negli orientamenti di voto degli italiani. Flettono Forza Italia (-2,5 pc), Pds (-1,7 pc) e Lega Nord (-0,8 pc). Crescono Alleanza Nazionale (+1,7 pc), Rifondazione Comunista (+1,2 pc), Lista Pannella (+0,7 pc) e Ccd-Cdu (+0,5 pc). Gli altri partiti restano sostanzialmente stabili. I partiti del centrosinistra perdono in sei mesi complessivamente lo 0,8 pc passando dal 43,3 pc al 42,5 pc. Anche il centrodestra perde lo 0,3 pc passando dal 42,1 pc al 41,8 pc.

I due partiti forse piu' disponibili per cercare un accordo sulle riforme da fare, sono quelli che, negli ultimi sei mesi, hanno perso piu' consensi. La maggioranza degli italiani sembra infatti poco farevole ad un accordo tra D'Alema e Berlusconi come evidenziano i risultati della domanda qui di seguito riportata: ''Si parla di un accordo per le riforme tra D'Alema e Berlusconi; secondo lei e' un bene o un male per il Paese?''. E' un bene per il 25,3 pc; un male per il 53,4 pc; senza opinione 21,3 pc.

Il sondaggio di Directa e' stato realizzato dal 9 al 12 ottobre. Il campione di 1.005 interviste telefoniche e' rappresentativo della popolazione adulta italiana per quote di zona geografica, ampiezza dei centri, sesso e classi di eta'.

(Red/Lr-Gs/Adnkronos)