I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (4): LA CRONACA
I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (4): LA CRONACA

Roma. Gli agenti della Squadra mobile di Roma hanno arrestato nove albanesi ed hanno emesso due ordini di custodia cautelare in carcere. Altri due uomini sono ricercati. Gli arrestati, che si contendevano il controllo di via Palmiro Togliatti e della zona del Nuovo Mattatoio a Roma ''importavano'' in Italia ragazze albanesi, costringendole alla prostituzione. L'operazione durante la quale sono state liberate cinque ragazze albanesi, segue quella dello scorso luglio che ha portato all'individuazione di altri sfruttatori albanesi a Torvaianica.

Trieste. Nella citta' con l'eta' media piu' alta d'Italia anche i rapinatori hanno i capelli bianchi. A Trieste, una banda di anziani, gia' soprannominata la ''Banda dei nonnetti'', ha vuotato ieri la cassaforte di una filiale della Crt. Per raggiungere gli sportelli della Cassa di Risparmio di via Ginnastica i tre malviventi hanno dovuto prendere l'ascensore e, una volta in banca, nel farsi strada tra i clienti, hanno strattonato un paio di vecchiette alle prese con la riscossione della pensione. Con fare incerto i tre insoliti rapinatori hanno intimato ai cassieri di tirare fuori i soldi per poi infilare 140 milioni di banconote nel sacco. A quel punto, presi in ostaggio il direttore e una impiegata, sono scesi con l'ascensore al piano terra e, superata la porta esterna, si sono confusi tra i passanti perdendosi tra la folla. Secondo le testimonianze i tre avevano superato i 60 anni, ma gli inquirenti non escludono che i malviventi si siano ''invecchiati'' per l'occasione con lo scopo di far perdere le proprie tracce.

Bologna. Otto ordini di custodia cautelare sono stati emessi dal Gip di Bologna Pescatore nei confronti di presunti appartenenti a una ''banda di Tir'' che nell'aprile scorso ha effettuato una rapina da quattro miliardi nel bolognese. Il bottino della rapina fu ritrovato dagli investigatori in un capannone a Budrio (Bo) e cinque persone furono fermate e denunciate per ricettazione. In carcere sono ora finite otto persone originarie della campania. Devono rispondere di concorso in rapina aggravata, ricettazione e sequestro di persona.(segue)

(Sin/As/Adnkronos)