AFGHANISTAN: RESPINTO ATTACCO MASSUD, 150 MORTI
AFGHANISTAN: RESPINTO ATTACCO MASSUD, 150 MORTI

Kabul, 29 ott. -(Adnkronos/Dpa)- Si e' concluso in un bagno di sangue il tentativo di Ahmad Shah Massod di entrare a Kabul da nord: almeno 150 guerriglieri agli ordini del generale tagiko sarebbero morti ed oltre 400 sarebbero rimasti feriti dai Taleban, riusciti a respingere l'offensiva contro la capitale afghana, che controllano dallo scorso 27 settembre. Lo ha riferito il ministro dell'Informazione degli ''studenti di teologia'', Mullah Amir Khan Muttaqi, precisando che nelle fila dei Taleban si registra la morte di due miliziani ed il ferimento di altri quattro.

Intanto, gli ''studenti'' filopachistani hanno nominato Mullah Abdul Mannan governatore della provincia nordoccidentale di Badghis, conquistata nei giorni scorsi dai Taleban a Rashid Dostum. Lo stesso Muttaqi ha fatto sapere che la popolazione delle province a nord di Kabul ancora in mano al signore della guerra uzbeko si stanno preparando ad insorgere contro di lui.

L'avanzata dei miliziani islamici in Afghanistan e' stata al centro delle discussioni nella riunione odierna a Dushanbe dei ministri della Difesa dei Paesi della Comunita' degli stati indipendenti (Csi). Secondo Leonid Mayorov, capo di Stato maggiore in carica della Csi, quanto sta avvenendo in Afghanistan rappresenta un pericolo ''per gli interessi nazionali e la sicurezza delle repubbliche centroasiatiche''. (segue)

(Nap/Zn/Adnkronos)