BICAMERALE: POLO DOPO-D'ALEMA, BERLUSCONI IL PIU' OTTIMISTA (2)
BICAMERALE: POLO DOPO-D'ALEMA, BERLUSCONI IL PIU' OTTIMISTA (2)
IL CAVALIERE, MA LE DISTANZE NON SONO INCOLMABILI

(Adnkronos)- Ma e' sul contenuto delle riforme che le differenze di posizione, in particolare tra Fini e Berlusconi, sono emerse con evidenza. C'e' molta distanza tra la posizione del Pds e quella del Polo sulle riforme? Chiedono i cronisti. ''Al momento del varo della Bicamerale -risponde Berlusconi- e' chiaro che dovremo constatare che non ci siano distanze incolmabili, ma io non credo ci siano distanze incolmabili, cosi' come non credo si possa partire da una mozione di indirizzo''.

Fini precisa: ''Ci sono distanze, eccome se ci sono -dice Fini- in particolare ce ne sono molte sui poteri del premier scelto dagli elettori''. E Berlusconi di rimando: ''Ci sono distanze, ma non incolmabili, anche se bisogna ammettere che ci sono situazioni che non danno luogo a entusiasmi. Ma oggi le preoccupazioni prioritarie sono altre: sono l'economia, l'ingresso della nostra moneta in Europa, lo stato di diritto. Se il clima generale si rasserenera', allora si potra' discutere del merito delle riforme''. (segue)

(Rao/Pn/Adnkronos)