DIEGO MASI: ''LIBERARE L'ITALIA DALLE TROPPE TASSE''
DIEGO MASI: ''LIBERARE L'ITALIA DALLE TROPPE TASSE''
DOMANI A ROMA LA PRESENTAZIONE DEL SUO NUOVO LIBRO

Roma, 29 ott. (Adnkronos) - ''Liberare l'Italia dallo statalismo, dalle troppe tasse, da una burocrazia che impedisce al Paese di muoversi, dai mille lacci e lacciuoli che impediscono la liberta' alle imprese, alle famiglie, ai cittadini''. E' quanto sostiene Diego Masi, presidente del gruppo parlamentare di Rinnovamento italiano, che sull'argomento ha appena scritto il libro ''L'Italia liberata'' (Adnkronos Libri) che verra' presentato domani a Roma all'Hotel Nazionale: al dibattito, che iniziera' alle ore 10.30 e sara' moderato da Massimo Franco, parteciperanno insieme all'autore Ferdinando Adornato, Francesco Cossiga, Guido Albero Guidi e Mario Segni.

Il sottotitolo del libro recita: ''Linea d'attacco per una nuova Italia, leader in Europa''. Troppo ottimismo sui destini del Paese? ''Forse, ma ho molta fiducia -ha detto il deputato- nella capacita' degli italiani, nella loro volonta' e creativita'. Noi possiamo avere in Europa un grande ruolo. E' solo necessario ridurre lo Stato e la sua oppressione e liberare le energie che oggi sono ingessate''.

Un tema ricorrente del libro e' l'invito a diventare imprenditori di se stessi. Cosa significa in concreto? ''Prima di tutto bisogna rendere onore al merito: cioe' a chi e' piu' capace. Bisogna essere tutti uguali ai nastri di partenza. Ma chi e' bravo deve arrivare piu' lontano. Quindi il tema e' la sfida verso noi stessi. La capacita' di competere con la concorrenza, con l'Europa, con il mondo intero. Chiudersi nel protenzionismo e nel garantismo vuol dire livellarsi al gradino piu' basso e non salire a quello piu' alto. I nostri figli dovranno competere con i figli dei paesi europei, dei grandi blocchi occidentali e asiatici. Dovranno competere o sara' il nostro declino definitivo''. (segue)

(Pam/As/Adnkronos)