IRI: VAN MIERT INQUIETO, IL CASO SI COMPLICA
IRI: VAN MIERT INQUIETO, IL CASO SI COMPLICA

Genova, 4 nov. (Adnkronos) - Lo slittamento delle privatizzazioni potrebbe far riaprire all'Ue il dossier Iri chiuso, tre anni fa, con l'accordo Van Miert-Andreatta. E il commissario europeo per la concorrenza Karel Van Miert non esita a dichiarare di ''essere inquieto perche' ci sono nuovi elementi che complicano il caso Iri''. In ogni caso, ribadisce: all'Italia non sara' concessa una proroga superiore ai sei mesi. La questione dell'indebitamento Iri sara' comunque al centro del colloquio con il ministro del Tesoro Ciampi, in programma per la prossima settimana.

Trattenendosi con i giornalisti a margine del convegno sulla liberalizzazione dei servizi pubblici, Van Miert non ha nascosto il fatto di: ''essere inquieto perche' -ha ribadito- ci sono nuovi elementi che complicano il dossier Iri. Dopo l'incontro del settembre scorso con Ciampi, durante il quale si era ipotizzata la possibilita' di uno slittamento di sei mesi, essendo aumentati i debiti Iri sentiamo piu' vicino il pericolo che la privatizzazione di Stet e Autostrade non si faccia. La situazione e' di un forte pessimismo -ha sottolineato Van Miert- e se non si riducono i debiti come, pattuito con Andreata nel 93, e' chiaro che la credibilita' sara' messa in forse''.

''C'era un forte impegno perche' fossero realizzate le privatizzazioni entro l'anno ma ora si rischia di slittare. Si potrebbe riaprire il dossier chiuso tre anni fa con l'accordo Andreatta -ha aggiunto Van Miert- e di fronte a questo siamo molto inquieti''. E a proposito della ricapitalizzaione dell'Iri il commissario ha confermato che questo e' l'argomento all'odg nell'incontro che probabilmente si terra' la prossima settimana col ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi.

(Ros/Pe/Adnkronos)